Mangiare Bio, non solo questione di etichetta 

 In famiglia
27.11.2016

Immancabili in ogni supermercato. Sempre più ricercati dai clienti. Dal latte alla verdure, dalla pasta alla frutta ormai interi reparti sono dedicati a loro. Sono i prodotti da agricoltura biologica, che esclude l’utilizzo degli organismi geneticamente modificati. Con l’obiettivo di salvaguardare la fertilità naturale del terreno

Sono ormai immancabili in ogni supermercato. Sempre più ricercati dai clienti più esigenti. Al punto che, spesso, sono loro dedicati interi reparti. Stiamo parlando dei cosiddetti prodotti biologici. Dal latte alla verdure, dalla pasta alla frutta, l’etichetta “Bio” compare ormai su un numero sempre più confezioni. Ma cosa vuol dire mangiare Bio?
L’agricoltura biologica è un tipo di agricoltura che considera l’intero ecosistema agricolo, sfrutta la naturale fertilità del suolo favorendola con interventi limitati, vuole promuovere la biodiversità dell’ambiente in cui opera e esclude l’utilizzo di prodotti di sintesi e degli organismi geneticamente modificati (Ogm). La parola “biologica” presente associata ad agricoltura è in realtà un termine improprio: l’attività agricola, biologica o convenzionale, verte sempre su un processo di natura biologica attuato da un organismo vegetale, animale o microbico. La differenza sostanziale tra agricoltura biologica e convenzionale consiste nel livello di energia ausiliaria introdotto nell’agrosistema: nell’agricoltura convenzionale si impiega un notevole quantitativo di energia ausiliaria proveniente da processi industriali (industria chimica, estrattiva, meccanica); al contrario, in quella biologica, pur essendo in parte basata su energia ausiliare proveniente dall’industria estrattiva e meccanica, si reimpiega la materia principalmente sotto forma organica.
Una dicitura sintetica più appropriata avrebbe forse potuto essere una di quelle adottate in altre lingue, agricoltura organica oppure agricoltura ecologica, che mettono in evidenza i principali aspetti distintivi dell’agricoltura biologica, ovvero la conservazione della sostanza organica del terreno o l’intenzione originaria di trovare una forma di agricoltura a basso impatto ambientale.
I principali obiettivi dell’agricoltura biologica così come sono stati definiti dall’International Federation of Organic Agricolture sono: trasformare il più possibile le aziende in un sistema agricolo autosufficiente attingendo alle risorse locali; salvaguardare la fertilità naturale del terreno; evitare ogni forma di inquinamento determinato dalle tecniche agricole; produrre alimenti di elevata qualità nutritiva in quantità sufficiente; Gli alimenti biologici si sono dimostrati privi di residui da fitofarmaci nelle analisi condotte da Legambiente nell’ambito dello studio Pesticidi nel piatto 2007 ma non per questo maggiormente salubri. Uno studio dell’Icsp (International Centre for Pesticides and Health Risk Prevention) dello stesso anno mostra invece come taluni cibi biologici possano contenere residui di pesticidi.
I cibi biologici sono comunque meno “inquinanti” dei cibi non biologici, ma non c’è una prova scientifica che tale purezza porti vantaggi significativi per la salute. In generale, secondo le metà analisi svolte sulle centinaia di studi esistenti in tema, in particolare ad opera della Food Standards Agency e dall’Agenzia Francese per la Sicurezza Alimentare, non è possibile concludere che esistano differenze rimarcabili in quanto ad apporti nutrizionali tra prodotti convenzionali e biologici.

Scarica subito dagli Store

La nuova App del Gros

Sempre aggiornata, per il tuo smartphone o tablet. Scaricala subito dagli Store. E' gratuita e non richiede registrazione.

   

DISCLAIMER: I contenuti del presente Sito - comprensivi di dati, notizie, informazioni, immagini, grafici, disegni, marchi e nomi a dominio - se non diversamente indicato, sono coperti da copyright e dalla normativa in materia di proprietà industriale. GROS cura che le informazioni contenute nel Sito siano attendibili ma per le stesse non rilascia alcuna garanzia e non assume alcuna responsabilità circa la loro completezza, correttezza, veridicità e attualità. Pertanto non assume e declina ogni e qualsiasi responsabilità per eventuali errori, inesattezze, mancanze ed omissioni rinvenibili nei contenuti pubblicati. Le medesime considerazioni valgono anche per i contenuti, accolti nel Sito, prodotti da soggetti terzi.In alcune sezioni possono essere presenti foto, filmati e altri contenuti raccolti sulla rete, e quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarcelo e provvederemo immediatamente alla loro rimozione dalle nostre pagine.

Copyright 2017 CE.DI. GROS Società Consortile a r.l. | P.IVA 06564861000 | Tutti i diritti riservati  Area Servizi