La melanzana: ortaggio ricco di proprietà benefiche 

Ci avviciniamo all'estate e la melanzana, ortaggio tipicamente estivo, è ricca di proprietà benefiche 


Le melanzane sono un utile aiuto durante l'estate perché sono ricchissime di potassio, fosforo e magnesio e aiutano quindi quando con la sudorazione si tende a perdere sali minerali.
Inoltre, vengono considerate un elemento depurativo molto utilizzato all'interno delle diete dimagranti perché sono ricchissime di acqua, di fibre e hanno un potere calorico molto basso: 100 g di parte edibile hanno una resa di sole 24 calorie.
Le melanzane contengono anche alcune sostanze amare, presenti anche nelle foglie dei carciofi, che contribuiscono a stimolare la produzione di bile e, insieme alla fibra, contribuiscono ad abbassare il tasso di colesterolo cattivo LDL.
I fitonutrienti che sono presenti nella melanzana contrastano l’attività nociva dei radicali liberi e migliorano anche l’afflusso di sangue al cervello con conseguente beneficio per la memoria. Da notare che la melanzana non contiene glutine.
La melanzana cominciò a diffondersi in Italia intorno al 400 d.C. ad opera degli arabi, oggi l'Italia è tra i primi produttori al mondo di quest'ortaggio, originario dell’India dove cresceva spontaneamente già 4.000 anni fa.
Esistono molte varietà di questo ortaggio, che si differenziano per il colore e per la forma, ovale, tonda e bislunga.
Fra le varietà di melanzana più conosciute e consumate in Italia troviamo la violetta di Firenze, con forma rotondeggiante, la violetta di Napoli, con una forma più allungata, la Larga Morada, dal colore più chiaro con strisce violacee e con un gusto molto delicato, la gigante di New York, viola e molto grande ed infine la violetta lunga palermitana viola scuro e dalla forma allungata.
Come abbiamo detto la melanzana è un ortaggio tipicamente estivo, infatti, al di sotto dei 12°, la pianta smette di crescere.
È un ortaggio che non può essere consumato crudo: oltre ad avere un gusto non proprio gradevole infatti, contiene una sostanza tossica il cui nome è solanina.
Le melanzane assorbono molto olio: attenzione quindi ai condimenti che rischiano di rendere molto calorico un ortaggio che non lo è.
Per togliere il gusto amaro dalle melanzane, si consiglia, prima di cucinarle, di tagliarle a fette e ricoprirle di sale grosso per almeno mezz’ora.

Condividi questa pagina