Un colpo di colore alla canizie 

 Per te
20.12.2014

Sono quasi il 60% le donne che fanno uso di tinture per capelli. Per coprire quelli bianchi o anche solo per la semplice voglia di cambiare look. Dal salone di bellezza al fai da te, tante opzioni e prodotti tra cui scegliere. A prezzi diversi. Le tinture senza ammoniaca particolarmente indicate per le donne incinte


Il tempo non si può fermare. Ma i suoi effetti si possono controllare. L'incanutimento (i cosiddetti capelli bianchi), non fa certo eccezione. Conseguenza dell’inesorabile correre delle lancette, la canizie è dovuta all’improvvisa e totale perdita dei melanociti di un’unità pilare. Il colore dei capelli, dipende in effetti dalla melanina (lo stesso pigmento dell’epidermide da cui dipende l’abbronzatura) secondo un’equivalenza semplicissima: più melanina uguale capelli scuri, meno melanina uguale capelli castani o biondi. E quando i follicoli smettono di produrre melanina ecco che i capelli iniziano a diventare bianchi.
Che fare allora? Le tinture per la colorazione dei capelli sono certamente l’antidoto più diffuso. Specie tra le donne: le usa circa il 60% della popolazione femminile. Ma non è detto che la canizie sia sempre l’unico motivo alla base dell’uso. Un cambiamento di look o, magari, la voglia di dare vivacità alla chioma sono certamente tra le ragioni altrettanto diffuse per un cambio radicale di colore dei capelli. Ma quanto può venire a costare? Ovviamente di più se si opta per una seduta dal parrucchiere o in un salone di bellezza. In questi casi i prezzi possono variare anche in funzione della qualità e del tipo di colorante usato, oscillando tra i 20 e i 70 euro. Cifre che di solito comprendono anche lo shampoo e la piega. Per quelle fai da te, che si acquistano al supermercato, si va invece dai 6 ai 15 euro, prezzi vicini anche a quelli dei prodotti acquistabili in erboristeria. Si arriva ad una media di 12 euro, infine, per quelle vendute in farmacia.
Oggi esistono in commercio molte tinture per capelli prive di ammoniaca, particolarmente ricercate (e consigliabili) dalle donne incinte. Una componente rimpiazzata solitamente dagli oli e dai burri vegetali in grado di potenziare l’effetto e la durata della colorazione impedendo alle squame del capello di aprirsi. Questi tipi di colorazioni sono probabilmente meno efficaci rispetto a quelle con ammoniaca: se bisogna coprire i capelli bianchi sarà necessario ripetere la tinta senza ammoniaca più spesso rispetto alla tintura tradizionale. Sono prodotte da diversi e noti marchi commerciali, è ormai diffuso e facilmente reperibile. 

Condividi questa pagina