Come proteggere la pelle dal freddo 

 Per te
15.12.2017

Trattamenti con creme idratanti e lenitive. A base di prodotti naturali. Dall’olio di sesamo al burro di karatè. Senza dimenticare il burro di cacao per difendere le labbra ed evitare fastidiose screpolature


Con l’arrivo del freddo, la nostra pelle subisce mutamenti. Per proteggerla dagli effetti delle basse temperature non mancano creme, sieri e maschere protettive. La scelta è varia: dalle cere vegetali ai burri e oli naturali usati come componenti chiave per difendere la cute dal freddo. Si tratta di sostanze che formano un film non occlusivo, che migliora la termoregolazione della pelle quando la temperatura scende. Insomma, una barriera naturale sugli strati superiori dell'epidermide, che evita la dispersione d’acqua lasciando la pelle sempre idratata. Una specie di cappotto invisibile.
Tra le sostanze in questione c’è, innanzitutto, il burro di karitè. Ricavato dai semi di una pianta africana, la Vitellaria paradoxa. Dalle noci di karitè viene estratta una sostanza burrosa di colore giallo chiaro e dal profumo dolciastro. Applicata sulla pelle, la protegge dalle aggressioni esterne, dal freddo e dalla disidratazione, lasciandola morbida, profumata ed elastica.
Il burro di cacao, invece, è un grasso estratto dai semi di cacao, che ne contengono dal 50% al 57%, ottenuto tramite un processo di pressatura ed esposizione ad alte temperature. Oltre ad essere un ingrediente del cioccolato, è anche una materia prima impiegata nell'industria cosmetica. Ed è ideale per proteggere le labbra dal freddo prevenendo fastidiose screpolature..
Quanto all’olio di sesamo, oltre all’uso in cucina, si tratta di un elemento ricco di sostanze antiossidanti che agiscono per prevenire il precoce invecchiamento dei tessuti cutanei. Per le sue caratteristiche organolettiche ne fanno un ottimo alleato a difesa della pelle.

Condividi questa pagina