Io e Fido, regole di convivenza cane-padrone 

 In famiglia
27.04.2017

Piazzare la cuccia lontano dalle aree vietate della casa. Disporre la ciotola sempre nello stesso punto. Letto e divano sono assolutamente vietati per il vostro amico a quattro zampe. Occhio all’igiene se c’è un bimbo nei paraggi. E per il gioco siete voi a decidere dove, quando, quanto e a cosa giocare


E’ per definizione il miglior amico dell’uomo. Ma per vivere, o meglio, convivere in casa con un cane è bene conoscere alcune regole fondamentali. A cominciare dalla prima. I padroni siete voi. E dovrete essere in grado di farla capire al vostro coinquilino a quattro zampe.
Innanzitutto, tenete sempre a mente che il punto di riferimento del cane in casa è la sua cuccia. Dovrà essere di dimensioni proporzionate alla taglia del cane e tenuta lontano dagli spazi per lui off limits. È importante abituare il cane ad una precisa routine: orari prestabiliti per la pappa, per uscire. Ma, soprattutto, dovrà imparare a rimanere in casa da solo e senza fare danni. A proposito di pappa, la ciotola va posizionata sempre nello steso punto. E’ lì che deve imparare a mangiare e a non chiedere il cibo dalla tavola. Inoltre per iniziare a mangiare deve sempre aspettare l’ok del padrone.
Letto e divano sono assolutamente vietati al vostro cane: concedergli di invadere il territorio del padrone equivale a mettere in dubbio il nostro ruolo di leader nei confronti del cane. Cosa fare quando in casa c’è un bambino? Niente di particolare. Un animale domestico è uno stimolo importante per la crescita affettiva di vostro figlio. Ma quando ci sono dei bambini in una casa con dei cani bisogna fare attenzione all'igiene. Altro momento importante della convivenza è quello del gioco. Quando, dove, come e per quanto tempo giocare deve essere il padrone a stabilirlo. E’ importante, inoltre, scegliere giochi di collaborazione e mai di competizione.

Condividi questa pagina