Te, tisane e infusi: per tutte le età, le ore e le esigenze 

 In famiglia
15.10.2018

Se ne vedono di tutti i gusti e colori: te, tisane e infusi per tutta la famiglia


Le temperature stanno scendendo e alla sera incomincia a far piacere, magari dopo cena, bere qualcosa di caldo: la famosa camomilla sarebbe il primo esempio a cui tutti probabilmente siamo portati a pensare.
Anche durante il giorno, per scaldarsi va benissimo bere una tisana calda.

Se una volta la scelta era principalmente tra un buon tè o una tisana classica, oggi la gamma di prodotti a nostra disposizione è diventata immensa e puntuale, specifica per ogni età ed esigenza.
Il tè: si ricava da piante che appartengono alla stessa famiglia: tra i tè possiamo optare per il nero, verde, Oolong e Aromatico: chi sceglie il tè è indubbiamente un amante del classico e dei sapori decisi.
Hanno proprietà eccitanti in quanto contengono teina o caffeina.

Se optiamo per la tisana entriamo in una sfera più femminile.
E' un preparato che risponde a precise indicazioni sulle miscelazioni delle singole erbe: un “remedium cardinale”, il rimedio base che fornisce il principio attivo terapico, da un”adjuvants”, il rimedio sinergico a quello base che ne coadiuva l’assorbimento e da un “costituens”, il complemento che migliora la tisana.
Le compriamo al supermercato, soddisfano qualsiasi esigenza e vanno bene a tutte le ore.

L'infuso: è un metodo di estrazione che prevede la preparazione di acqua bollente da versare sul rimedio, in un recipiente che deve poi essere coperto per mantenere il vapore che si genera e conservare il principio attivo. Le erbe devono rimanere in infusione circa 10-15 minuti, poi filtrate con un colino.
E' utilizzato per l’estrazione dei principi attivi delle parti più delicate e tenere delle piante, come fiori, frutti, e foglie ed è da preferirsi al decotto per l’estrazione delle parti volatili, che andrebbero perse con l’ebollizione.

E i decotti?
Il decotto prevede che il rimedio erboristico venga immerso in acqua e portato ad ebollizione per 15-20 minuti, in un recipiente coperto che ne trattiene le parti volatili. Al termine dell’ebollizione si lascia riposare in modo che anche il vapore condensi nel decotto. Il rimedio viene poi filtrato ed è pronto per essere somministrato.
Questo metodo viene utilizzato per l’estrazione dei principi attivi dalle parti più dure delle piante, come radici, cortecce, rami e bacche.

E scopri tante altre curiosità visitando la pagina degli articoli dedicati alla famiglia.

Condividi questa pagina