Vino, il segreto della conservazione 

 In Cantina
03.10.2016

In casa o in cantina. Ecco alcune regole da seguire per preservarlo dal decorso del tempo. Dalla temperatura all’umidità, dall’esposizione alla luce alla posizione. In base alla tipologia e al vitigno di produzione


Il vino è in continua evoluzione e non è semplice conservarlo. Per preservare le bottiglie dal decorso del tempo, specie quelle che avete intenzione di consumare a lunga scadenza, una piccola cantinetta frigo è certamente un ottimo rimedio. Si tratta di elettrodomestici ormai disponibili in diverse varianti, sia per quanto riguarda le dimensioni sia sotto il profilo del design. Ma gli accorgimenti da seguire sono anche altri. Eccone alcuni. Più il vetro delle bottiglie è chiaro, più è necessario conservarle in un ambiente buio. L’esposizione alla luce, tanto quella naturale che quella fluorescente, può innescare processi ossidativi. Particolarmente dannoso è, inoltre, l’effetto dei raggi solari che, sottoponendo il vino ad un notevole calore, ne accelera la degradazione. Se non disponete di uno stanzino poco illuminato o di un armadio in cui riporre le bottiglie una scatola di legno o di cartone andrà comunque benissimo. Tenete, inoltre, le bottiglie che intendete conservare a lungo coricate su un fianco. In questo modo il tappo resterà umido ed elastico grazie al contatto con il vino, riducendo il rischio di ossidazione. La temperatura va mantenuta costante, al di sopra dei 10 gradi ma non oltre i 18: la temperatura ottimale è di 10-12 gradi per i vini bianchi e 12-15 gradi per i vini rossi. Dovete stabilizzare anche l’umidità intorno al 70% (diciamo tra il 60% e l’80%). In un ambiente troppo secco il tappo tenderà a restringersi e il vino potrebbe entrare in contatto con l’aria. Troppa umidità, al contrario, potrebbe favorire la formazione di funghi sul tappo di sughero compromettendo il vino. Mai agitare le bottiglie o esporle alle vibrazioni. Conservate il vino in un ambiente ben areato e al riparo dagli odori forti, di qualunque origine essi siano, che, attraverso il tappo, potrebbero contaminare il vino. Infine, rispettate il periodo di conservazione in bottiglia giusto per il vostro vino. Che può dipendere da diversi fattori, come ad esempio il tipo (i rossi possono essere conservati più a lungo dei bianchi) e il vitigno specifico (da uve con molti tannini si ricavano vini predisposti ad un invecchiamento più lungo).

Condividi questa pagina