Ad ogni vino il suo bicchiere 

 In Cantina
01.03.2017

Forma e dimensioni giuste per ogni tipologia. Mai riempirlo fino all’orlo. Dal Flûte per gli spumanti. Al Grand Cru di cristallo al piombo soffiato a bocca. E l’Hermitage per esaltare l’equilibrio dei sapori


Ad ogni vino il suo bicchiere. Forma e dimensione appropriate. Al colore, innanzitutto, ma anche alla struttura del vino. Al suo grado di invecchiamento, alla tipologia e ai profumi. Come scegliere, allora, il bicchiere giusto? Partendo dal presupposto che ognuno è libero di usare il bicchiere che preferisce, ecco i requisiti essenziali: trasparente, con lo stelo, di cristallo o in vetro sottilissimo.
Ma altrettanto importante è la capienza. Il bicchiere deve essere in grado di contenere la giusta quantità di vino senza essere riempito fino all’orlo. Consentendo, allo stesso tempo, ai profumi di sprigionarsi. Ad esempio, un calice che si restringe verso l’alto consente una migliore concentrazione dei profumi. Un calice grande e largo, facilita la roteazione del bicchiere per ossigenare il vino e permette di cogliere al meglio il bouquet dei grandi vini rossi. Bicchieri più piccoli, che si restringono verso l’alto, invece, sono più adatti per i vini liquorosi conservandone meglio gli aromi.
Poi ci sono i bicchieri “speciali”. Come il flûte, letteralmente flauto, dal gambo sottile e di forma allungata particolarmente indicato per gli spumanti. Negli anni Trenta ha affiancato l’uso della coppa. A differenza di quest’ultima, la flûte favorisce la risalita delle bolle e di tutti gli aromi in uno spazio ristretto, ma prolungando l’effervescenza dello spumante che, con la coppa, si disperde più rapidamente.
E arriviamo al Riedel “Sommeliers” Bordeaux Grand Cru. Un calice pensato, grazie alla sua capienza, per apprezzare vini di maestosa struttura. E’ realizzato in cristallo al piombo soffiato a bocca. E infine l’Hermitage, nato nei primi anni Novanta, nato nel corso di alcune sessioni di degustazione nelle regioni di produzione del Syrah. Esalta l’equilibrio dei sapori e la struttura del vino.

Condividi questa pagina