Di cantina in cantina, viaggio tra i vini d’Italia 

 In Cantina
10.01.2018

Dalla Valle d’Aosta alla Campania, ecco alcune tra le migliori cantine da visitare. Situate in località affascinanti e spesso vere e proprie opere di design. Progettate da architetti di fama internazionale


Dalla Valle d’Aosta alla Campania, ecco alcune tra le migliori cantine da visitare. Situate in località affascinanti e spesso vere e proprie opere di design. Progettate da architetti di fama internazionale. Gros ne ha selezionate alcune, segnalate dal sito specializzato Travel365.
Il Baglio Donna Franca si trova immerso nei vigneti della campagna marsalese, a 150 mt. s.l.m. che permette di godere di una vista incantevole sulle isole Egadi, le Saline della Laguna e Erice. Oggi è un wine resort dotato di 15 camere elegantemente arredate, un ristorante che propone i piatti della tradizione siciliana e di una cantina, cuore produttivo dell'azienda che con i suoi 11 ettari di vigneti produce 5 vini biologici.
Lo spirito della Monna Lisa riempie Villa Vignamaggio, in Toscana, una straordinaria villa XIV secolo alle porte di Greve in Chianti che è stata costruita dalla famiglia Gherardininel tardo Medioevo. Oggi, i vigneti coprono 62 ettari dei 250 totali. Parte del terreno è coltivata a Sangiovese, varietà tradizionale del Chianti, e alcune parti a Cabernet Franc.
Con la Cantina dell’Ulmo Planeta, la Sicilia ha potuto ritrovare il sopito entusiasmo per l'autoctono Nero d'Avola, per lo sviluppo delle coltivazioni a Chardonnay, e per la creazione di sofisticate miscele fruttate di varietà locali e internazionali.
Un paesaggio mozzafiato attende ed accoglie i visitatori della Cantina Fratelli Grosjean, situata sul confine dei comuni di Quart e Saint Christophe, in Valle D'Aosta. Qui si coltivano vigneti di Tzeriat, Rovettaz, Creton, Touren a Quart, Merletta, Castello Passerin d'Entreves e Senin a Saint Christophe.
La visita alle Cantine Ferrari, in Trentino Alto Adige, viene descritta da ogni partecipante come una esperienza unica e suggestiva. È possibile compiere il tour guidato tutto l'anno dal lunedì al sabato e, nel mese di dicembre, anche la domenica.
La cantina ColleMassari, in Toscana, occupa una superficie di 3.648 mq e produce circa 800.000 bottiglie all'anno. È stata progettata dall'architetto Edoardo Milesi, che ha voluto creare un luogo di lavoro dove nulla andasse sprecato. La conformazione della struttura, infatti, permette di conservare tutta l'acqua. Anche quella dei drenaggi sotterranei della barricaia, che aiuta a mantenere la giusta umidità
E sempre in Toscana è situata la Tenuta Santavenere, situata nella zona di Montepulciano, in provincia di Siena, ed è di proprietà della famiglia Triacca. Progettata dall'architetto Alessandro Piccardi, comprende moderne tecnologie che aiutano a svolgere l'intero processo di produzione, pur mantenendo una architettura che ben si coniuga al paesaggio rurale.
Ancora in Toscana Rocca di Frassinello (nella foto) è una cantina elegante ed essenziale, per la cui realizzazione si è scomodato addirittura il grande architetto Renzo Piano. L'essenzialità delle forme esalta la funzionalità dello stabilimento, tale da garantire la massima qualità dei vini. La particolarità della cantina è la rivoluzione imposta da Piano nella disposizione degli spazi.
La giovane architetto giapponese Hikaru Mori ha guidato il progetto di ristrutturazione della cantina Feudi di San Gregorio, in Campania, nel 2002. Alla struttura è stato conferito un design moderno ed uniforme, con tanta tecnologia presente soprattutto nei processi produttivi. La cantina dispone di un tetto d'acciaio, pareti in vetro, zinco, cemento e p

Condividi questa pagina