Formaggi per tutti i gusti sul tagliere di Natale 

 Il Tagliere
06.12.2017

Dalla composizione alla selezione. Mai servirli da soli, ma accompagnarli sempre con un altro alimento. Disponeteli dal molle al più stagionato. Con confetture e miele in ciotole a parte. Pane e coltelli diversi per ogni tipologia


L’arte e la cultura dei formaggi serviti in tavola sul tagliere nasce in Francia. E poggia su una regola di base: ogni prodotto va accompagnato da un altro alimento semplice o lavorato. Come frutta, verdura e pane. Il grande chef francese Dominique Dysher diceva, saggiamente, che “ogni formaggio deve essere accompagnato, a seconda del suo sapore, da frutta fresca, frutta secca, verdure, erbe aromatiche, marmellate di frutta o miele…”.
Per servire un tagliere di formaggi regale sulla vostra tavola natalizia ecco alcuni semplici consigli da seguire. Servite i formaggi a temperatura ambiente. Prima di cominciare, indicate ai commensali le tipologie di formaggi presenti sul vostro tagliere. Accompagnate il tagliere con confetture e miele servite in piccole ciotole: essendo il formaggio è un alimento privo di zuccheri, miele e marmellate sono il perfetto complemento per accompagnarlo. Ovviamente mettete in tavola coltelli diversi per i formaggi a pasta molle, per i semiduri, per i duri. E infine accompagnate il vostro tagliere con il vino giusto: i formaggi di bassa intensità aromatica con vini bianchi secchi; quelli di medio bassa a media intensità aromatica con vini rossi d’annata; quelli di media o medio elevata intensità con vini rossi invecchiati; infine, quelli di elevata intensità aromatica con vini liquorosi, passiti.

Condividi questa pagina