Pulizie di primavera fai date 

 Per la casa
17.04.2017

Meglio con prodotti naturali. Come acqua, aceto, sale e bicarbonato. Ecco come utilizzarli per ottenere il risultato migliore. Sia come detergenti che come sgrassatori. E con il cambio di stagione è ora di rimettere mano anche all’armadio

Acqua, aceto, sale e bicarbonato. Ingredienti naturali per le vostre pulizie domestiche. Rigorosamente in versione ecologica. Ecco come. Miscelando aceto e bicarbonato otterrete un composto effervescente. Perfetto come sgorgatutto per il lavandino intasato o per rimuovere le incrostazioni più difficili da pulire. Ma anche usati singolarmente si prestano a molteplici impieghi. L’aceto, ad esempio, oltre ad essere un ottimo igienizzante, è un detergente efficace contro la muffa o come anticalcare. Basta scaldarlo appena e, con un panno imbevuto, passarlo sulle superfici in acciaio come rubinetti e lavelli. Combinare insieme acqua e bicarbonato, invece, vi permetterà di assemblare un antimuffa fatto in casa per pulire doccia, giunture in silicone e il nero che di solita si forma tra le piastrelle. Tornando all’aceto, come detto, è un ottimo alleato contro le incrostazioni. Ma anche un efficace detergente per i mobili: basta passarlo sulle superfici in legno diluito in acqua calda. Oltre che un perfetto prodotto di base per la pulizia di vetri e specchi se utilizzato miscelato con acqua distillata e sapone di Marsiglia in scaglie. In questo modo otterrete una soluzione che potrete applicare sulle superfici da pulire con un dosatore spray. Sostituendo il sapone di Marsiglia con qualche goccia di limone, sempre miscelando aceto e acqua, ecco un perfetto prodotto per pulire i pavimenti di casa. Sempre rigorosamente fai da te. E sempre rigorosamente ecologico.
Finché si tratta di pulire pavimenti e finestre stiamo parlando di ordinaria amministrazione. Ma vi siete mai chiesti come fare per pulire le pareti di casa? Si comincia spolverando. Con una scopa rivestita di un panno morbido per evitare di graffiare i muri. O, in alternativa, impugnando l’aspirapolvere. Per lo sporco liquido andrà bene una spugna asciutta. Per le macchie ecco come regolarvi: diluite un cucchiaio di olio di lavanda in un litro d’acqua e versate la soluzione in un erogatore spray. Spruzzate sulla macchia e strofinate con un vecchio collant. Prima di cominciare, coprite i mobili con un lenzuolo o con dei fogli di nailon per proteggerli e rimuovete i tappeti per evitare di macchiarli. Spolverate e pulite dal basso verso l’alto.
Munitevi di due secchi. Uno per il detergente e l’altro con acqua pulita per risciacquare la soluzione. Se il vostro problema, invece, è la muffa dovrete regolarvi diversamente: a mali estremi, estremi rimedi. La soluzione più frequente è l’impiego della candeggina: spruzzatela sulla macchia e strofinate con un panno pulito. Un rimedio particolarmente efficace sulle pareti bianche, meno sui muri colorati. Se la muffa è particolarmente ostinata il rimedio dovrà essere ancora più aggressivo. Lasciate stare la candeggina e optate per il bicarbonato di sodio (due cucchiai) diluito in acqua ossigenata (700 millilitri) con l’aggiunta di 2 cucchiai di sale. Dopo aver agitato energicamente, spruzzate la soluzione sulla chiazza di muffa e con uno spazzolino da denti strofinate per rimuovere la macchia. Stessa procedura per eliminare lo sporco negli interstizi tra le maioliche a muro della cucina e del bagno.
Insieme alla primavera è arrivata anche l’ora del cambio di stagione. E di rimettere mano ai vostri armadi per sgombrare gli indumenti invernali e fare spazio ai vostri abiti più leggeri. Ecco qualche consiglio su come organizzarvi per evitare che un’operazione di routine si trasformi in un vero e proprio incubo. Cominciamo con gli indumenti. Prima di riporli nell’armadio, controllate che le tasche siano vuote per evitare di correre in rischio, una volta messi da parte, di impazzire per cercare un oggetto che proprio non ricordate dove avete messo. Tra l’altro, basta un fazzoletto o una caramella dimenticata per attirare un plotone di tarme. Contro il quale è bene infilare in una tasca un sacchettino all’essenza di lavanda. Assicuratevi che siano puliti e, soprattutto inodori.
Per le giacche sarebbe meglio, imbustarle in sacchi di nylon prima di appenderle nell’armadio in attesa del prossimo cambio di stagione. Per i capi in pelle, prima di metterli in archivio, è consigliabile una passata con un panno inumidito con acqua. Per quelli di camoscio basterà una passata con una spazzola si setole di para. Se, invece, utilizzaste delle scatole per riporre i vostri indumenti, seguite le stesse regole per ordinare i capi e contrassegnate i contenitori utilizzati con delle etichette per sapere sempre cosa c’è dentro. E passiamo alle scarpe. Se necessario, approfittate per un intervento di manutenzione dal calzolaio in modo da ritrovarle pronte quando, il prossimo anno tornerete ad averne bisogno. Prima di riporle approfittate anche per una pulita generale. Piccoli interventi di manutenzione, tipo tasche bucate, bottoni mancanti, orli saltati, andrebbero, ovviamente fatti anche sull’abbigliamento per le stesse ragioni.
Il cambio di stagione è anche l’occasione per smaltire i pesi morti. Quegli indumenti che non indossate da tempo immemore o che non vi stanno più bene. E’ consigliabile suddividere gli abiti da riporre per tipologia (elegante-sportivo) in modo da sapere sempre dove cercare in caso di necessità senza essere costretti a disfare l’armadio. Seguite, ovviamente, la stessa regola anche per le scarpe (eleganti-sportive).

Scarica subito dagli Store

La nuova App del Gros

Sempre aggiornata, per il tuo smartphone o tablet. Scaricala subito dagli Store. E' gratuita e non richiede registrazione.

   

DISCLAIMER: I contenuti del presente Sito - comprensivi di dati, notizie, informazioni, immagini, grafici, disegni, marchi e nomi a dominio - se non diversamente indicato, sono coperti da copyright e dalla normativa in materia di proprietà industriale. GROS cura che le informazioni contenute nel Sito siano attendibili ma per le stesse non rilascia alcuna garanzia e non assume alcuna responsabilità circa la loro completezza, correttezza, veridicità e attualità. Pertanto non assume e declina ogni e qualsiasi responsabilità per eventuali errori, inesattezze, mancanze ed omissioni rinvenibili nei contenuti pubblicati. Le medesime considerazioni valgono anche per i contenuti, accolti nel Sito, prodotti da soggetti terzi.In alcune sezioni possono essere presenti foto, filmati e altri contenuti raccolti sulla rete, e quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarcelo e provvederemo immediatamente alla loro rimozione dalle nostre pagine.

Copyright 2017 CE.DI. GROS Società Consortile a r.l. | P.IVA 06564861000 | Tutti i diritti riservati  Area Servizi