Maggio, sparisce il freddo e arriva il caldo 

E’ il quinto mese del calendario gregoriano. Interamente dedicato alla Madonna. Alla quale sono rivolti i numerosi pellegrinaggi nelle principali località simbolo del suo culto. Ad esso sono ispirati molti proverbi e detti popolari

Maggio, quinto mese dell’anno secondo il calendario gregoriano, terzo e ultimo mese della primavera nell’emisfero boreale, dell’autunno nell’emisfero australe. Nella cultura cristiana è il mese dedicato alla Madonna con particolare utilizzo della devozione del Santo Rosario. Non è un caso che maggio sia anche il periodo dell’anno in cui si organizzano e si partecipa al più elevato numero di pellegrinaggi in diverse destinazioni simbolo proprio del culto della Madonna.
Ma maggio è anche il mese che ispira numerosi proverbi e detti popolari. Ecco alcuni dei più noti. Maggio ortolano (cioè acquoso), molta paglia e poco grano. Chi pota di maggio e zappa d’agosto, non raccoglie né pane né mosto. Se maggio è rugginoso, l’uomo è uggioso. Per Santa Rita (22 maggio) ogni rosa è fiorita. Per sant’ Urbano (25 maggio) il frumento è fatto grano (o ha granito). Per Sant’Urbano (25 maggio) tristo quel contadino che ha l’agnello in mano. Quando piove per San Filippo (26 maggio) il povero non ha bisogno del ricco. Aprile e maggio son la chiave di tutto l’anno. Maggio fresco e casa calda, la massaia sta lieta e balda. Se maggio va fresco va ben la fava e anco il formento. D’aprile piove per gli uomini e di maggio per le bestie. Acqua di maggio è come la parola di un saggio. Maggio piovoso, anno ubertoso. Aprile fa il fiore e maggio si ha il colore. Val più un’acqua tra aprile e maggio, che i buoi con il carro. Aprile carciofaio, maggio ciliegiaio. Fango di maggio, spighe d’agosto. Maggio asciutto e soleggiato, molto grano a buon mercato. Nel mese di maggio fornisciti di legna e di formaggio. Maggio asciutto ma non tutto, gran per tutto; maggio molle, lin per le donne. Maggio giardinaio non empie il granaio. Tra maggio e giugno fa il buon fungo. Se piove i primi di maggio, noci e fichi faranno buon viaggio. Se piove per San Giacomo e Filippo (1 maggio), il povero non ha bisogno del ricco. San Niccolò di Bari (6 maggio), la festa degli scolari. Il giorno di S. Cataldo (10 maggio), sparisce il freddo e arriva il caldo. Se piove per l’Ascensione, ogni cosa va in perdizione.
Per l’Ascensione, una spiga per cantone. Fino all’ Ascensione non lasciare il tuo giubbone. Se piove a santa Petronilla (31 maggio), pioverà per quaranta giorni. Signor di maggio dura poco. Marzo tinge, april dipinge, maggio fa le belle donne, e giugno fa le brutte carogne. Di maggio nascono i ladri. Il lino per San Bernardino (20 maggio) vuol fiorire alto o piccino. Se piove nel periodo di S. Bernardino (20 maggio), la pioggia rovinerà il raccolto del grano, delle olive e dell’uva. La febbre di Maggio dà salute per tutto l’anno. Né di Maggio né di maggione, non ti levare il pelliccione. Maggio per quanto bello, salva un granello di ghiaccio; un po’ per San Pancrazio, un po’ per San Servazio e il resto per San Bonifazio. San Pancrazio, San Servazio e San Bonifazio, il gelo di maggio.

Scarica subito dagli Store

La nuova App del Gros

Sempre aggiornata, per il tuo smartphone o tablet. Scaricala subito dagli Store. E' gratuita e non richiede registrazione.

   

DISCLAIMER: I contenuti del presente Sito - comprensivi di dati, notizie, informazioni, immagini, grafici, disegni, marchi e nomi a dominio - se non diversamente indicato, sono coperti da copyright e dalla normativa in materia di proprietà industriale. GROS cura che le informazioni contenute nel Sito siano attendibili ma per le stesse non rilascia alcuna garanzia e non assume alcuna responsabilità circa la loro completezza, correttezza, veridicità e attualità. Pertanto non assume e declina ogni e qualsiasi responsabilità per eventuali errori, inesattezze, mancanze ed omissioni rinvenibili nei contenuti pubblicati. Le medesime considerazioni valgono anche per i contenuti, accolti nel Sito, prodotti da soggetti terzi.In alcune sezioni possono essere presenti foto, filmati e altri contenuti raccolti sulla rete, e quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarcelo e provvederemo immediatamente alla loro rimozione dalle nostre pagine.

Copyright 2017 CE.DI. GROS Società Consortile a r.l. | P.IVA 06564861000 | Tutti i diritti riservati  Area Servizi